Secondo incontro del progetto transnazionale di YoungCare: Promuovere il sostegno ai caregiver informali e agli individui più giovani bisognosi di assistenza

YoungCare, dedicato alla formulazione di strategie per assistere i caregiver informali e gli individui più giovani bisognosi di cure, ha raggiunto un traguardo significativo durante il suo secondo Project Meeting transnazionale, tenutosi il 16 ottobre.

Questo incontro ha approfondito vari aspetti critici del progetto con l’obiettivo di creare un impatto positivo. I Rapporti nazionali sono serviti come base per il Compendio, che è stato brevemente presentato durante l’incontro e sarà sottoposto a revisione paritaria da parte di tutti i partner durante il mese di ottobre. Il Compendio si concentra principalmente su valori, aspettative e soluzioni pratiche, sottolineando la sua praticità. Si tratta di una risorsa preziosa, pensata per aiutare i caregiver informali a gestire il proprio ruolo in modo più efficace e a fornire soluzioni ai soggetti più giovani che necessitano di assistenza. Inoltre, è stata presentata e discussa una potenziale struttura per il curriculum e la piattaforma di e-learning, da sviluppare come parte del progetto.

L’iniziativa è attualmente in fase di creazione di risorse di e-learning principalmente rivolte ai caregiver informali, per dotarli delle conoscenze e delle competenze necessarie a gestire il loro ruolo in modo efficace, a costruire la resilienza e a offrire soluzioni pratiche. L’incontro ha incluso anche aggiornamenti sugli sforzi di condivisione e promozione del progetto, sottolineando l’impegno di YoungCare a raggiungere un pubblico più ampio e ad assicurare che le strategie sviluppate abbiano un impatto di vasta portata.

Grazie all’impegno di partner dedicati, coordinati da ISIS-Sozialforschung (Germania), tra cui SHINE 2Europe (Portogallo), Paritätische Selbsthilfe (Germania), AFEdemy (Paesi Bassi), CADIAI (Italia) e Vytauto Didžiojo universitetas (Lituania), YoungCare sta compiendo progressi significativi verso l’obiettivo di fornire sostegno ai caregiver informali e di migliorare la vita delle persone più giovani che necessitano di assistenza.

Il progetto non si limita a promuovere la comprensione, ma si adopera anche per migliorare la qualità della vita del gruppo target.

Scroll to Top